giovedì 17 maggio 2012

Quanti modi di fare e usare licoli

Lievito Naturale in Coltura Liquida

E' una gioia per gli occhi e per il palato, è qualcosa che conquista al primo incontro. Dopo averlo provato è difficile starne lontano, si ha voglia di panificare all'infinito.

Anna ed Ornella lo usano da tanto e ne sono entusiaste. Adesso ne hanno prodotto due tipi, molto simili tra loro, che sono pronti per panificare in 48 ore e che danno dei risultati eccellenti.

Ma c'è anche il capostipite, quello convertito da pasta madre o da prozimi, oppure quello nato dall'unione di farina, acqua, yogurt ed un goccio d'olio.
Ma in fondo è sempre lo stesso LIevito naturale in COltura LIquido (licoli)

Con Anna e Ornella abbiamo pensato di utilizzare una parte, un angolo di questo blog, appositamente per "licoli", per dare la possibilità a tutti di interagire sui lievitati preparati con questo meraviglioso lievito naturale in coltura liquida.

Per chi usa già un lievito liquido con almeno il 100% di idratazione, basterà panificare.
Per chi si affaccia solo adesso in questo stupendo mondo, può scegliere il modo più adatto a se stesso per crearselo.

Noi ne proponiamo alcuni:

I più recenti e più veloci da realizzare

- Licolmela, fatto da Ornella con mela grattugiata ed acqua
- Licoluva, fatto da Anna con succo d'uva ed acqua

I classici
- Licoli, fatto da Anna con farina, acqua, yogurt, olio evo
- Licoli, conversione da prozimi fatto da Ornella
- Licoli, conversione da pasta madre fatta da Anna

Ma sarebbe bello che dopo averlo fatto lo mettessimo anche alla prova, e chi già lo usa da tempo lo utilizzi con qualcosa di diverso.
Potremmo divertirci un po' mentre lo proviamo
Lo sapete che noi tre (Anna, Cuochina ed Ornella, rigorosamente in ordine alfabetico) siamo delle giocherellone, e dato che vorremmo anche dilettarci mentre lo "collaudiamo", i nostri neuroni si sono messi a girare ed hanno partorito questa idea:

- E, se preparassimo insieme un lievitato con ingredienti e dosi ben definiti? Chi vorrà giocare con noi, mettendo in funzione la propria inventiva, "realizzerebbe" il suo lievitato personale. Potranno essere aggiunti semi, frutta secca o altro come farcia o abbellimento, ma gli ingredienti ed il peso dell'impasto devono rimanere quelli indicati nella ricetta, anche se la natura degli ingredienti potrà essere variata.

Per essere più chiari:
100 gr di farina di forza (12% di proteine) può diventare
100 gr di farina di segale o
100 gr di semola rimacinata, o
50 gr di farina debole (8% di proteine) e 50 gr di manitoba, oppure
100 gr di farina senza glutine, ecc.
70 ml di acqua può diventare
1 uovo (55 gr circa) + 15 ml di acqua, oppure
70 ml di latte o
40 ml di latte + 30 ml di acqua, ecc.

Che ne dite? Vi sentite allettati/e? Invogliati/e?
Abbiamo intenzione di inserire nelle pagine:
- La màdia del LICOLI, tutti i link e le foto che ci perverranno riguardanti licoli: creazione, rinfresco, aggiornamenti.
- La màdia dei lievitati, tutti i link e le foto delle realizzazioni di chi si lascerà coinvolgere in questo simpatico gioco

Si potrebbe iniziare con:
  • 100 gr di licoli attivo
  • 160 ml di latte
  • 10 gr di zucchero
  • 1 tuorlo
  • 300 gr di farina di forza (12% di proteine)
  • 15 gr di burro a temperatura ambiente
  • poco sale
Sciogliere licoli con il latte, unire zucchero, tuorlo e farina. Far riposare 10~15 minuti, aggiungere il sale e per ultimo il burro, e poi......................... fateci sognare!!!!

Per adesso non diamo nessun termine per la ricezione delle vostre realizzazioni, ma ci chiediamo: in quanti si metteranno in gioco in questo mese di maggio??

9 commenti:

  1. .. in fondo il lm madre gf è una sorta di licoli già di suo, visto che rimane "pastelloso" e morbido

    e fin qui, ce la posso fare :-)

    per il resto: :-(

    rimango buona a vedere i vostri lievitati!!

    RispondiElimina
  2. un mondo sconosciuto e misterioso per me, mi spaventa anche un pò, io sono un'assassina di lievito normale, figuriamoci di questi!

    RispondiElimina
  3. Cuochina che bella idea!
    Dai che, appena ho qualche giorno di tempo, ci riprovo a creare il mio licoli...

    RispondiElimina
  4. ragazze siete dei treni freccia rossa! Starvi dietro è un'impresa!!!! Però mi piace questo giochino. Chissà se riesco a giocare con voi...Un bacione

    RispondiElimina
  5. bello!!!
    io mi metto all'opera ora! e poi cosa faccio?

    RispondiElimina
  6. lastufaeconomica19 maggio 2012 21:44

    vi dirò che mi interessa molto, ma ne sono intimorita.
    Per ora proverò zitta zitta, e poi si vedrà. Però sottovoce vi voglio poi dire i miei insuccessi, così mi aiuterete.
    ciao

    RispondiElimina
  7. Grazie a tutte amiche! E' più facile fare licoli che cercare di spiegarne il procedimento :-) Tutte, poco o tanto, all'inizio siamo state come dice Dauly "assassine" di lieviti! Quanti esperimenti abbiamo fatto nelle nostre cucine? Quante volte è andato a finire tutto nella pattumiera? Alla fine quando la perseveranza e la passione per i lievitati ha superato ogni ostacolo e dal forno è uscito il primo pane è stata una gioia e una soddisfazione indescrivibile: ragazze non se ne può più fare a meno!! E da quel momento ogni lievitato che s'intende preparare diventa adatto al licoli..non si riesce più ad apprezzare il sapore del lievito di birra! Ve lo consigliamo proprio e non esitate assolutamente a chiedere se avete delle difficoltà nel procedimento. Quello che sappiamo e che impariamo quotidianamente lo condividiamo con grande piacere! Vi aspettiamo!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. che bella iniziativa complimenti! io credo che il mio lievitino sia morto ormai...ho dimenticato di rinfescarlo è da mesi in frigo :-(

    RispondiElimina
  9. quanti modi! me li guraderò tutti con calma! sono interessantissimi!

    RispondiElimina

Le nostre cucine aperte vi accolgono con amicizia, rispetto e simpatia...ci auguriamo di ricevere lo stesso trattamento.

I commenti anonimi non sono graditi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...