domenica 28 maggio 2017

Consigli e suggerimenti della Cuochina per gli Gnochi con la fioreta

A due settimane dalla data dell'evento mensile del "MENU' 2017" organizzato dalla nostra Cuochina, urge ascoltare i consigli ed i suggerimenti che lei gentilmente ci dispensa, per preparare al meglio questa ricetta regionale veneta, più precisamente di Recoaro Terme,: gli  Gnochi con la fioreta che ci ha presentato nel post del 14/08/2016.
E' una ricetta tipica della valle recoarese e si prepara con la "fioreta" che, altro non è che, ricotta liquida. E' considerato un piatto a Denominazione Comunale  e nel sito della Confraternita c'è la ricetta tradizionale con tutte le regole per preparare gli gnochi.
La Cuochina ha fatto e rifatto varie volte la stessa preparazione, per questo vorrebbe condividere, con chi lo desidera, degli accorgimenti emersi durante l'elaborazione della ricetta. Spera che questi consigli e suggerimenti possano essere utili a qualcuno.
Tra le tante versioni fatte e rifatte dalla Cuochina, questa è l'ultima. Le foto del passo passo si riferiscono a questa versione che viene suggerita e consigliata.  

Andiamo al passo passo della ricetta degli Gnochi con la fioreta

Ingredienti per 3~4 persone
400 g di ricotta
100 ml circa di latte intero
1 uovo (consigliato)
farina bianca quanto basta
sale
noce moscata (facoltativo)
50 g di burro
salvia fresca (facoltativo)

Per prima cosa schiacciare la ricotta con una forchetta.  (La ricotta può essere passata al setaccio, in questo caso risulterà liscia e senza grumi)
Il risultato sarà questo
Aggiungere il latte intero e mescolare a lungo per far ben amalgamare. (Va anche bene usare la frusta a mano)
 A questo punto unire l'uovo e continuare a mescolare per farlo incorporare bene al composto. (L'uovo aiuta a legare, ed è consigliato usarlo perché il composto è molto morbido)
Aggiungere la farina a piccole dosi ed un poco di sale, continuando a mescolare. (La farina usata è prevalentemente la 00)
(Se piace, aromatizzare con della noce moscata grattugiata, anche se la ricetta originale non ne prevede l'uso
Il composto deve risultare liscio ma anche compatto. (Se durante la cottura gli gnochi tendessero a disfarsi, aggiungere ancora un poco di farina, ma senza esagerare, potrebbero non rimanere morbidi)
In una pentola far bollire abbondante acqua salata. Preparare uno gnocco per volta usando due cucchiai, come si vede nella foto (la forma deve essere leggermente allungata) e tuffarli nell'acqua in ebollizione.    
Quando gli gnochi risalgono in superficie, lasciarli cuocere ancora per 3~4 minuti. Estrarli con la schiumarola, facendoli ben scolare, e travasarli nel piatto. (Si possono anche versare direttamente nella padella in cui si è fatto sciogliere il burro con qualche fogliolina di salvia, ma è più facile che perdano la forma). 
Condirli con il burro fuso e formaggio di malga grattugiato oppure con parmigiano e delle foglie di salvia se piace.
Eccoli qui, pronti da gustare :-)

***************************************
Dato che noi cuochini/e non abitiamo a Recoaro Terme, e forse neanche in Veneto, e probabilmente neanche in Italia, potremmo avere difficoltà a trovare “la fioreta”, la nostra Cuochina ci suggerisce come sopperire a questa mancanza, anche se non è molto ortodosso, facendo la ricotta home made e diluirla con il latte, in questo modo:

700g di latte, 20g di aceto di mele, 10g di acqua
 
Quando il latte sta per bollire, versare l’aceto di mele diluito con l’acqua e spegnere il gas,
mescolare con un cucchiaio
si formeranno i fiocchi di ricotta, mettere il coperchio e lasciare riposare per 15 minuti
Con un mestolo forato, raccogliere i fiocchi di ricotta, che sarà circa 200g, e farla ben sgocciolare in un colino ricoperto da una garza.

Alla prossima, e grazie della vostra attenzione

I prossimi consigli e suggerimenti sono per i Panzerotti pugliesi 
Una famosa ricetta regionale pugliese


Da non dimenticare che:
sono pronti da scaricare e da sfogliare i 
pdf con tutte le ricette dal 2011 al 2016
 e che ci possiamo incontrare su Facebook
e su twitter


Vi aspettiamo!




Nessun commento:

Posta un commento

Le nostre cucine aperte vi accolgono con amicizia, rispetto e simpatia...ci auguriamo di ricevere lo stesso trattamento.

I commenti anonimi non sono graditi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...